Archivi categoria: Senza categoria

Savioli100 – SSS Suono Studio Savioli

Fondazione Michelucci/Tempo Reale/Regione Toscana

SSS – Suono Studio Savioli

La sonorizzazione dello studio per una esperienza percettiva dello spazio architettonico.

Studio di Leonardo Savioli al Galluzzo, via delle Romite 12a
7 – 10 dicembre 2017 – ore 14.00/17.00

Ideazione: Andrea Aleardi e Francesco Giomi
Progetto sonoro: Agnese Banti
Allestimento tecnico: Francesco Perissi

Si ringrazia Massimo Becattini per i preziosi materiali audio della lezione di Leonardo Savioli del 9 febbraio 1971 messi a disposizione dal suo archivio.


Un’installazione sonora interpretativa attraverso la geometria del luogo, l’evocazione degli scritti, la presenza della voce, le suggestioni artistiche di ricerca dell’architetto fiorentino.

Il progetto sonoro rilegge e reinterpreta gli spazi di uno dei luoghi chiave della vita professionale e personale dell’architetto toscano. La sonorizzazione, infatti, trae ispirazione dalla poetica savioliana attraverso scritti, lezioni e opere, nello specifico lo spazio del suo studio come architettura vivente.

La presenza di Savioli riecheggia nello studio e si accompagna ai suoni di diapason e campane tibetane che ne ingrandiscono la percezione spaziale, ma la traccia delicata delle voci che lo hanno abitato, invita a riflettere sul profondo legame che vi era tra Leonardo e la moglie Flora Wiechmann, restituendo al visitatore
l’idea di un luogo intimo, in cui gli animi creativi si fondevano in uno solo.

Per Savioli il segno architettonico è un gesto che genera forme e nuovi spazi, allo stesso modo in SSS il suono è un gesto che riempie la percezione visiva dei vuoti all’interno dello studio e permette di toccarli e viverli diversamente. Il suono infatti va a caratterizzare, connotare e riempire quei vuoti che lo stesso Savioli invitava i suoi studenti a interpretare come architettura in potenza,  da comporre con segni su ordinate e ascisse, e su più livelli.

 

Il programma dell’iniziativa


Per informazioni:
Fondazione Michelucci | tel. 055.215653 | savioli100@michelucci.it
Tempo Reale, | tel. 055.717270 |

www.architettifirenze.it | www.architetturatoscana.it

  • Crediti Formativi Professionali per Architetti
    non disponibili per questo evento

Un’iniziativa del progetto SAVIOLI100
1917/2017 – L’eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita.

 

Savioli100 – Learning from Savioli

Fondazione Giovanni Michelucci/Fondazione Architetti Firenze
con Università di Firenze – Dipartimento di Architettura

Learning from Savioli

Un ciclo di conferenze sulle sue architetture e l’influenza sulle successive generazioni.
Alberto Breschi, Alessandro Poli, Adolfo Natalini

Palazzina Reale della stazione Firenze SMN
21, 22, 23 novembre 2017 alle ore 17.30
Ingresso libero

Una iniziativa a cura di
Roberto Masini e Riccardo Renzi
con la collaborazione della Fondazione Giovanni Michelucci

Programma delle conferenze:

Alberto Breschi
> mar 21 novembre 2017 – ore 17.30/19.30
SAVIOLI E LE ARCHITETTURE – Alberto Breschi: La lezione spaziale-strutturale degli edifici di via Piagentina e villa Bayon e le sue ricadute nei propri progetti come per riqualificazione della piazza di Tavarnuzze.

Alessandro Poli
> mer 22 novembre 2017 – ore 17.30/19.30
SAVIOLI E GLI ALLESTIMENTI – Un tema generalmente poco trattato, ma di pari interesse delle sue architetture, come per la mostra su Le Corbusier del 1963, raccontato attraverso le esperienze di Sandro Poli.

Adolfo Natalini
> gio 23 novembre 2017 – ore 17.30/19.30
SAVIOLI E LE CITTÀ – Introduce Riccardo Renzi: Caratteri e linguaggio nella poetica di Savioli. Adolfo Natalini: la visione urbana, in un dialogo aperto con le opere di Savioli, un cruciale tema di progetto che Natalini ha sviluppato in importanti pezzi di città come Groningen in Olanda e San Casciano Val di Pesa.

 

savioli100 Il programma dell’evento


Per informazioni e iscrizioni:
Fondazione Architetti Firenze, tel. 055.215653 www.architettifirenze.it | www.architetturatoscana.it


Un’iniziativa del progetto SAVIOLI100
1917/2017 – L’eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita.